Calciomercato Fiorentina, Pradè: “Mercato importante, nessun rimpianto”

A mercato ufficialmente chiuso, è ora tempo di bilanci. La Fiorentina, all’indomani dell’ultimo giorno della sessione estiva, ha indetto una conferenza stampa, per dare la possibilità a Rocco Commisso, Joe Barone e Daniele Pradè di fare il punto della situazione sulla rosa costruita nel corso delle settimane appena trascorse.

Mercato Fiorentina: le dichiarazioni del DS Pradè in conferenza stampa

“Siamo molto soddisfatti per il mercato che abbiamo condotto e portato a termine. Ho preso consapevolezza del mio ruolo soltanto a metà luglio, quindi in un mese e mezzo siamo riusciti a costruire la rosa che volevamo costruire, portando a Firenze acquisti mirati e studiati insieme al presidente, a Joe Barone e a mister Montella.

Gli affari sfumati? Non c’è nessun tipo di delusione, – ha detto Pradè – perché come noi abbiamo sempre detto di non voler cedere a nessuno Chiesa, le altre società hanno fatto lo stesso con i loro giocatori migliori. L’Udinese è una società forte e ha voluto tenere De Paul, il Sassuolo è una società forte e si è tenuto stretto Berardi, così come il Milan non aveva intenzione di cedere Suso. Non abbiamo mai avuto un principio di accordo con questi giocatori, perché prima di parlare con i loro entourage bisogna passare sempre dai club di appartenenza.

Per quanto riguarda gli esterni d’attacco, – ha aggiunto il direttore sportivo viola – ieri dovevamo scegliere se prendere Oudin o Ghezzal: la scelta è ricaduta su Ghezzal perché va ad aggiungere tecnica ed esperienza al nostro organico. È un giocatore che ha fatto molto bene con Lione e Monaco, ha grande esperienza a livello internazionale e a noi mancava un esterno destro di piede invertito.

Ripeto, siamo contenti perché siamo riusciti a prendere giocatori che consideriamo importanti, forti, ma con ampi margini di miglioramento. Parlo di Lirola, di Pedro, ragazzi che possono dare tanto e che mi aspetto crescano velocemente. Sono dei talenti giovani ma che hanno già fatto vedere ottime cose, vi assicuro che vi piacerà. È un giocatore tecnico e rapido, nonostante una struttura fisica importante. Per il resto, abbiamo sistemato la difesa con Dalbert e Caceres, abbiamo dato qualità al centrocampo con Pulgar e Badelj, senza dimenticare le tante alternative offensive.

La rosa è completa in ogni reparto e ora tocca a Montella comporre il puzzle. Vincenzo ha tutta la nostra fiducia, la mia, quella del presidente e quella di Joe, deve solo rendersi disponibile a costruire un’identità di squadra, nel corso di un anno che va considerato di transizione sportiva, di costruzione appunto. Monte ingaggi incrementato? Lo dico subito al presidente Commisso: non è aumentato solo del 21% come dice lui… Siamo intorno ai 60 milioni di euro.

Le mancate cessioni? Beh sì, siamo in tanti adesso. Diciamo che dei giocatori che non rientravano inizialmente nel nostro progetto tecnico, – ha proseguito Pradè –non siamo riusciti a piazzare Eysseric, Dabo e Thereau, mentre su Cristoforo c’è da fare un discorso diverso, perché ha caratteristiche interessanti. Il profilo di Bobby Duncan? È un ragazzo molto interessante e che piace da tempo al responsabile del nostro settore giovanile. È destinato alla Primavera, ma ci piacerebbe vederlo anche in prima squadra. Ecco, proprio per questo motivo, dispiace essere così tanti, perché ci permetterà di ruotare pochi giovani a livello di convocazioni in prima squadra.

Muriel? Non è stato proprio messo in mezzo il discorso a luglio, perché quando si è insidiata la nuova società mi sembra fosse già scaduto la dead-line del riscatto. Era già fisicamente fuori dall’ambiente Fiorentina, era già tornato al Siviglia. Non si è mai parlato di un suo ritorno a Firenze.

Polemiche del Reims nei nostri confronti? Sull’affare Oudin non devo chiarire assolutamente niente. Ogni trattativa ha una storia a sé e posso dire soltanto che se tiri troppo la corda, alla fine si spezza. Convivenza Pedro-Vlahovic? Abbiamo deciso di lasciar stare Llorente proprio per non mettere eccessiva pressione a Vlahovic. Con Pedro, invece, vogliamo vedere una crescita costante di entrambi i giocatori, un ’97 e un 2000 molto talentuosi”.

TUTTI I COLPI DELL’ULTIMO GIORNO DI MERCATO

Leggi anche:

Montella-Fiorentina, Sportitalia: “Contatto esplorativo con Gattuso”

Chi è Rachid Ghezzal, nuovo acquisto della Fiorentina (Video)

Calciomercato Fiorentina, preso il giovane Bobby Duncan dal Liverpool

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.
No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!