Taglio stipendi dei calciatori, Paleari: “Non siamo CR7, dobbiamo pagare l’affitto”

Alberto Paleari, portiere del Cittadella, è intervenuto ai microfoni di Telechiara, riguardo all’ipotesi del taglio degli stipendi dei calciatori per aiutare i club durante l’emergenza Coronavirus.

“Se si dovesse trattare di ritardare gli stipendi per un mese e di riceverne uno doppio allora accetterei senza nessun tipo di problema. Se si dovesse trattare invece di spalmarmi lo stipendio allora onestamente direi di no. Noi non siamo Cristiano Ronaldo, che se gli tolgono due mesi di stipendio non va sicuramente in difficoltà. Se li tolgono a noi ci viene a bussare il padrone di casa a reclamare l’affitto. Ritengo che serviranno due pesi e due misure”.

(Fonte foto: it.geosnews.com)

Leggi anche: 

La Serie A dopo il Coronavirus: ipotesi campionato a 22 squadre

Scontro sul futuro del campionato fra Lotito e Agnelli. Il bianconero: “Sei anche virologo?”

Presidente Ferrero: “Campionato finito per me”

Come Arrigo Sacchi amo il calcio, e lo sport in generale, perché è la cosa più importante delle cose meno importanti, e come Maurizio Mosca cerco di spargere allegria tra la gente.