Gemellaggio Fiorentina Verona: oltre 40 anni di fratellanza

L’amicizia tra gruppi Ultras è un fenomeno che esiste da sempre, da quando nasce il tifo organizzato in Italia. Ma l’amicizia fraterna tra la fiorentini e veronesi ha qualcosa di speciale, soprattutto perché nasce tra due tifoserie politicamente orientate in modo differente.

Quello tra la Curva Fiesole e le Brigate Gialloblù è uno dei gemellaggi più consolidati a livello italiano, che dura da oltre quarant’anni. Le due tifoserie, sebbene come detto avessero ideali politici diversi, hanno stretto un forte legame a metà degli anni Settanta, soprattutto grazie alla volontà della Fiesole di lasciare gli schieramenti ideologici e politici al di fuori dello stadio.

L’inizio di quest’amicizia risale al 1976, quando lo storico capo ultrà gigliato Stefano Biagini, detto il Pompa, irruppe nella curva veronese con un motorino. Questo episodio, invece che essere preso come una provocazione dalle Brigate Gialloblù, siglò l’inizio di un’amicizia inossidabile.

Nonostante varie generazioni di ultrà si siano succedute nelle due curve, il gemellaggio non è mai stato scalfito. Un profondo gesto di amicizia da ricordare fu quello del 1991, quando la Fiesole decise di rendere omaggio alle Brigate colorandosi di giallo e di blu per onorare lo scioglimento delle stesse dopo 20 anni dalla fondazione. Da 42 anni, “viola e butei per sempre fradei”.

Leggi anche:

Precedenti Fiorentina-Verona: Statistiche e Curiosità (Serie A 2017-18)

Pazzini e Bruno Zuculini non convocati per il ritiro di Civerciano

Calciomercato Verona, la situazione in uscita

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.
No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!