Ternana-Juventus U23, Riccardo Zampagna: “Bandecchi e i tifosi meritano la Coppa”

Riccardo Zampagna, ternano DOC e tifosissimo delle Fere, ha parlato ai microfoni dei canali ufficiali della Lega Pro in vista della finale di Coppa Italia di Serie C, che vedrà protagoniste Ternana e Juventus U23 all’Orogel Stadium Dino Manuzzi di Cesena.

“La Coppa Italia sarebbe il primo trofeo della storia rossoverde, – riporta lega-pro.comun momento di felicità per una città appassionata come la nostra, una… boccata d’aria pura di cui ci sarebbe bisogno. Il ternano vive in modo viscerale il calcio, – ha aggiunto Zampagna – si identifica nel club. E lo meriterebbe anche un presidente come Bandecchi, la società è solida e questa finale ne è una prova”. Avrebbe preferito un’altra avversaria: “In una gara secca sarebbe stato meglio una squadra diversa dalla Juventus. Inoltre fa caldo e questo favorisce i giocatori più tecnici. La Juve ne ha diversi: a me piace molto Brunori, è un attaccante umbro che seguo da tempo, per me da Serie A”.

Poi, un commento sulla regular season delle Fere: “Gallo la fa giocare molto bene, abbiamo anche noi degli elementi di qualità. Vorrei solo che ci fosse un po’ più di ‘ignoranza calcistica’: a volte siamo stati troppo belli e l’abbiamo pagata. Dovremmo essere più brutti e concreti. Conosco bene la Lega Pro, non cambia mai: è un campionato duro, ci vogliono combattenti”.

Attualmente impegnato con la sua scuola calcio ‘Riccardo Zampagna San Giovanni Bosco”, l’ex bomber ha concluso così: “Eravamo impreparati a tutto quello che è successo. È strano parlarne e ripartire dopo la tragedia del virus con cui dobbiamo ancora convivere. Credo che però il popolo italiano, rispetto ad altri Paesi, sia stato molto rispettoso e cognitivo e questo merita di essere sottolineato”.

Leggi anche:

Parisi-Salernitana, DS Fabiani: “Molta concorrenza per l’esterno dell’Avellino”

Liverpool Campione d’Inghilterra 2019-20 con 7 giornate d’anticipo

avatar
Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.