Salernitana-Venezia: la conferenza stampa di Paolo Zanetti pre partita (Serie B 2020-21)

Tutto pronto per la 34a giornata della Serie B 2020-21, il cui programma prevede il big match dell'”Arechi” di sabato 17 aprile (ore 14.00) tra Salernitana e Venezia, presentata quest’oggi in conferenza stampa da mister Paolo Zanetti. Qui di seguito le dichiarazioni rilasciate dal tecnico arancioneroverde, come riportato da trivenetogoal.it.

Le dichiarazioni di Paolo Zanetti alla vigilia di Spal-Venezia

Perdiamo Karlsson, che si è fratturato il quinto metatarso del piede e Svoboda. Non ci sarà nemmeno Ala-Myllymaki, oltre ai lungodegenti. Taugourdeau, invece, ha recuperato. Stiamo acquisendo consapevolezza, se guardiamo contro la Spal abbiamo subito soltanto un’occasione così come col Monza. Contro squadre che hanno tanta qualità dobbiamo avere una resa attentissima sotto tutti i punti di vista.

I pali e le traverse? A volte c’è stata sfortuna, a volte sono anche stati errori nostri. La Salernitana è una squadra che concede pochissimo e che prende pochissimi gol. Firmerei per avere le stesse occasioni avute all’andata, quando abbiamo creato senza riuscire a concretizzare. Abbiamo sempre creato tanto, ma penso per esempio a Johnsen che ha fatto tre gol e ha preso quattro legni. Se avesse fatto sette gol saremmo qui a parlare di crack.

Crnigoj? Con Mazzocchi forma una catena importante sulla destra, Domen adesso può essere un punto di forza della squadra. Non ho alcuna intenzione di andare a Salerno per speculare sul punto. Non voglio né intendo dare questo messaggio ai nostri giocatori. Guardiamo sempre avanti, è doveroso che proviamo a giocarci tutto, anche per il secondo posto e anche se abbiamo lo 0,5% di possibilità di riuscirci“.

Foto: Facebook Venezia FC

Leggi anche: 

Salernitana-Venezia, Modolo: “Vincere per dimenticare quella retrocessione”

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.