Napoli-Parma 3-0: le dichiarazioni di D’Aversa nel post partita

Al termine della sconfitta in casa del Napoli, il tecnico dei Crociati Roberto D’Aversa e Simone Iacoponi hanno incontrato i giornalisti nella sala stampa del San Paolo.

Napoli-Parma 3-0: le dichiarazioni di D’Aversa nel post partita

Ecco le sue parole del tecnico crociato: “Il risultato sbloccandosi rapidamente non ha aiutato per la partita che dovevamo fare, ma questo è successo anche a inizio secondo tempo. Quando si ha di fronte una squadra così forte devi cercare di restare in equilibrio. Quando siamo rientrati nella ripresa vista la mole di gioco non concretizzata da parte loro, dovevamo cercare di riequilibrare la partita, ma devo dire che il Napoli ha dimostrato la sua forza, è una squadra che sa giocare a calcio e che sa fare possesso palla in maniera paziente fino a che porta ad allargarti per poi cercare i filtranti centrali. Il rammarico è di non aver giocato nel momento in cui abbiamo riconquistato la palla, abbiamo sbagliato troppo nel riconsegnargliela immediatamente e quando sei soggetto a pressione contro una squadra con tanta qualità è difficile portare a casa un risultato positivo”.

D’Aversa ha poi proseguito: “Abbiamo incontrato il Napoli nel momento peggiore per noi, arrivava da una trasferta come quella di Torino dove hanno fatto una grandissima partita, avevano autostima, entusiasmo e convinzione nell’idea di gioco del nuovo allenatore che ha fatto bene in tutte le piazze in cui è andato: sta cercando di portare quella mentalità di mettere ogni giocatore nella migliore condizione possibile per fare bene, vedi Insigne in un ruolo che non ha mai fatto. Contro la Juventus abbiamo fatto meglio, l’abbiamo incontrata giocando in casa, con il supporto del nostro pubblico. Sotto il profilo della tensione l’abbiamo sofferta, in palcoscenici come San Siro e contro la Juve in casa sotto quell’aspetto abbiamo fatto meglio.Inutile rammaricarsi, dobbiamo pensare a recuperare il più velocemente possibile visto che domenica incontriamo una squadra con il nostro stesso obiettivo“.

Su Gervinho: “Ho pensato a portare a casa il miglior risultato possibile stasera, con Gervinho eravamo d’accordo che se la gara fosse rimasta in equilibrio fino a circa 20 minuti dalla fine l’avrei utilizzato, poi è chiaro che in ogni reparto ho pensato a mettere giocatori più freschi: Rigoni nell’ultima partita aveva speso molto e Deiola aveva dimostrato subentrando a San Siro e contro il Cagliari di meritare una chance. Poi con Inglese che nell’intervallo ha sentito un fastidio e sotto di due reti ho preferito non rischiarlo, ma finchè c’è la possibilità di fare un risultato positivo cerco di mettere in campo quelli che penso siano nella miglior condizione per provare a fare risultato. Insigne è un giocatore bravo tra le linee, bisognava cercare di limitarlo rimanendo compatti come squadra e facendoli andare tutti più laterali anzichè centrali, lui poi è molto bravo ad attaccare la profondità e a non darti punti di riferimento, detto questo ha fatto gol su cross, ovvero in una situazione nella quale ci siamo sempre ben comportati”.

Su Inglese: “Inglese vi posso garantire che è un centravanti forte e completo, ha fatto una scelta per giocare con continuità ma sarebbe stato utile anche per un club come il Napoli che disputa più tornei. Dal mio punto di vista, avendo avuto la fortuna di giocare con giocatori come Chiesa o Flo, devo dire che è un attaccante completo, sono certo che verrà presto convocato in Nazionale per la sua duttilità ma quel che mi stupisce di lui è che ha una cattiveria impressionante in allenamento, ha quella forza e fame che gli faranno fare la differenza”.

Leggi anche:

Voti Atalanta-Torino 0-0: Pagelle Fantacalcio Gazzetta e Sky (Serie A 2017-18)

No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!