Coronavirus-Serie A, Chiellini propone il taglio degli stipendi: tre ipotesi

SERIE A – L’emergenza Coronavirus sta inevitabilmente condizionando le manifestazioni sportive di tutto il mondo, fermatesi per arginare il contagio e permettere ai tesserati delle varie squadre di rimanere a casa. Sospesi, dunque, anche gli allenamenti, con i giocatori che ora si trovano a ridiscutere con le rispettive società i loro stipendi.

In casa Juventus, a proposito di ciò, c’è da registrare un confronto tra il Presidente Andrea Agnelli, l’Amministratore Delegato Fabio Paratici e il capitano della squadra bianconera Giorgio Chiellini: il difensore centrale dei campioni d’Italia in carica ha proposto la riduzione degli ingaggi da parte dei calciatori, con la possibilità di tagliarsi lo stipendio in base a quanto succederà nelle prossime settimane.

Tre le opzioni attualmente sul banco:

  • Pagamento del mese di marzo e sospensione degli stipendi finché non si tornerà a giocare;
  • Rinuncia di un mese o due su quattro a seconda che il campionato venga sospeso definitivamente o chiuso;
  • Rinuncia di un mese e mezzo indipendentemente da come andrà la stagione.

L’intenzione, inoltre, potrebbe essere quella di devolvere parte dello stipendio alla Protezione Civile o direttamente agli ospedali italiani, che stanno combattendo ogni giorno per superare un’emergenza sanitaria senza precedenti.

Leggi anche:

Coronavirus-Bundesliga, 4 big club donano 20 milioni alle società meno ricche

Coronavirus, Prandelli: “In questo momento non si deve parlare di partite”

Coronavirus-Serie A: ipotesi campionato a 22 squadre

avatar
Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.