Venezia Calcio News, Dante Scibilia: “Io e il Covid? Potrei aver contagiato chiunque”

VENEZIA CALCIO – Attraverso le colonne del Corriere Veneto, il Direttore Generale del Venezia Calcio, Dante Scibilia, ha raccontato la sua dura battaglia contro il Coronavirus, sconfitto dopo un lungo isolamento domiciliare.

Prima della trasferta di Pisa, – ha dichiarato il DG dei Leoni – già evidenziavo i primi sintomi del virus e ricordo che dopo la partita e la vittoria i giocatori mi abbracciarono tutti. Potrei aver contagiato chiunque. I primi sintomi, che si erano manifestati il lunedì precedente al match sono stati tosse secca e febbre e senso di stanchezza infinito.

Ho vissuto momenti di forte preoccupazione e di sconforto, – ha ammesso Scibiliaho avuto problemi renali e le urine a un certo punto erano arancioni. I protocolli in quel momento erano rigidi, non sono stato proprio considerato, tantomeno mi è stato fatto un tampone. Sono rimasto a casa a lottare con il virus e alla fine avevo ottenuto unicamente di poter fare la lastra ai polmoni che aveva evidenziato solo un’infiammazione.

Ci ho messo venti giorni per riprendermi dopo la scomparsa della febbre, attraversavo la strada e sembrava che avessi fatto una maratona. Ho preso tachipirina quando la febbre saliva oltre i 38 gradi. Il massimo che ho avuto è stato 38.5, ma ero distrutto come se la temperatura fosse salita fino a 41.”

Leggi anche:

15-04-2017, Il Venezia FC conquista la promozione in Serie B (Video)

Coronavirus, Giuseppe Rossi: “Siamo calciatori, non animali allo zoo”

avatar
Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.