Stefano Bandecchi cittadino onorario di Terni: “Resterò Presidente della Ternana”

Buone notizie in casa Ternana: dopo giorni di riflessione, all’indomani dell’aritmetica vittoria del campionato e del successo esterno contro la Turris, il Presidente Stefano Bandecchi ha sciolto le riserve sul prosieguo della sua avventura alla guida del club rossoverde. Allo stesso tempo, è proseguito a vele spiegate l’iter burocratico per insignire il patron delle Fere della cittadinanza onoraria della città di Terni.

“Resterò patron e presidente per i prossimi tre anni – ha annunciato ai microfoni de Il Messaggero il numero uno della Ternana –. I ternani mi dovranno sopportare ancora”, ha aggiunto con un sorriso Bandecchi. Intanto, il Consiglio Comunale di Terni ha dato il via libera al conferimento della cittadinanza onoraria all’imprenditore originario di Livorno, grazie alla sottoscrizione di diversi consiglieri comunali, che hanno deciso di supportare la proposta avanzata dal Centro Coordinamento del tifo rossoverde.

Un gesto importante dell’Amministrazione Comunale di Terni, che va a rafforzare il legame tra Stefano Bandecchi e la città umbra. Dai meriti sportivi allo straordinario impegno per il sociale, emerso soprattutto in era Covid tramite l’associazione “Terni con il Cuore”, senza dimenticare la rigorosa e puntuale applicazione del protocollo sanitario nel corso della stagione sportiva 2021-22. Investendo circa mezzo milione di euro in tamponi e test sierologici, la Ternana ha potuto affrontare con serenità un campionato fortemente condizionato dal Coronavirus.

La settimana prossima, prevista una riunione straordinaria del Consiglio per fare il punto sulla costruzione del nuovo stadio cittadino. Appuntamento a mercoledì 21 aprile, salvo ulteriori slittamenti.

Leggi anche:

Nuovo Stadio Ternana, Presidente Bandecchi: “Non posso farlo se non faccio la clinica”

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.