Fiorentina-Spezia 3-0: le dichiarazioni di Prandelli nel post partita

Nel post partita di Fiorentina-Spezia, mister Cesare Prandelli ha commentato così la vittoria maturata stasera allo “Stadio Artemio Franchi” di Firenze. Qui di seguito le dichiarazioni rilasciate dal tecnico viola ai microfoni di Sky Sport a margine del 3-0 odierno.

Le dichiarazioni di Prandelli nel post partita di Fiorentina-Spezia 3-0

Questa l’analisi di Prandelli nel dopo gara: “Affrontavamo una squadra in forma e li temevamo. Siamo stati bravi nel secondo tempo cambiando qualcosa, indovinando i cambi.

Gli ingressi di Castrovilli ed Eysseric? Tutti e due bene. Con loro Non abbiamo più rischiato le ripartente centrali e sono stati bravi a capire le situazioni in una partita molto difficile.

La mancanza di continuità? La stiamo cercando. Contro Torino, Inter e Samp non abbiamo giocato male. Ma la cosa importante è che non dobbiamo perderci in dettagli banali. A volte ci complichiamo la vita, ci abbattiamo e ci esaltiamo nella stessa partita.

Quanto è cresciuto Vlahovic? A volte si abbatte perché è impossibile che segni ad ogni palla. L’importante è che giochi per la squadra. Deve trovare una serenità interiore: lavora con grande determinazione tutta la settimana. Non mi piacciono gli sbalzi di umore durante il match. Da un punto di vista caratteriale e di motivazioni è destinato a migliorare in maniera esponenziale. Poi ci sono i momenti in cui le punte non trovano il gol ed è li che il giocatore deve crescere pensando di essere utile anche per gli altri. Ricordiamoci che ha 20 anni e ha margini importanti per una carriera di livello”.

Leggi anche:

Fiorentina-Spezia 3-0: le dichiarazioni di Vlahovic nel post partita

Fiorentina, il Monza sogna Ribery

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.