Fiorentina-Lecce 0-1: le dichiarazioni di Montella nel post partita

Terza sconfitta consecutiva per la Fiorentina di Vincenzo Montella, che cade in casa contro il Lecce di Fabio Liverani. Intervistato dai microfoni di Sky Sport nel post partita, il tecnico della compagine viola ha analizzato così lo 0-1 maturato al “Franchi”. Ora, Montella rischia davvero l’esonero.

Le dichiarazioni di Montella nel post partita di Fiorentina-Lecce 0-1

“Dispiace moltissimo perdere innanzitutto. Quella di oggi non è una sconfitta meritata, rispetto alle precedenti. Abbiamo tirato 19 volte contro le 6 del Lecce, ma il calcio è questo e dobbiamo accettarlo. Loro hanno trovato questo gol nella ripresa e poi hanno fatto una buona prestazione difensiva, noi abbiamo creato tanto, producendo gioco e cercando il gol in tutti i modi. Ho visto una squadra viva, ho visto la mia squadra, ma purtroppo è un momento che ci gira così.

Clima ostile nei miei confronti? Dispiace aver perso, i fischi sono legittimi e vanno accettati. Credo che i giocatori non li meritassero, probabilmente erano per me. Non so la squadra, oltre la sconfitta, cosa posso fare obiettivamente. Dispiace soprattutto per i ragazzi, perché erano molto amareggiati alla fine della partita. Dovevamo reagire e i ragazzi hanno reagito sul campo, ho visto una squadra combattiva, che è con me e che reagisce bene. In questo momento, le partite le perdiamo sempre per poco.

Poche parate di Gabriel? Beh, in realtà abbiamo avuto tante situazioni per segnare: dalla parata sul diagonale di Gabriel, l’occasione di Vlahovic sotto porta e il suo precedente colpo di testa. Siamo arrivati almeno 8 volte sul fondo, è chiaro che se non segni contro il Lecce e contro squadre così chiuse, qualche problema c’è. Ma finché si crea, non sono preoccupato. Oggi ho visto la stessa Fiorentina delle prime giornate, da questo punto di vista sono molto fiducioso. Ho visto un buon piglio da parte di tutti.

21 gol subiti? Su questo dato pesano molto i 5 di Cagliari e i 4 presi con il Napoli, con il quale è stata una partita aperta, particolare, era la prima ad agosto. Dobbiamo migliorare in alcune situazioni. Se volete alludere al mio possibile esonero, non sono io a dovervelo dire o a decidere. Sono cose che dovete chiedere alla società, per quanto mi riguarda ho tanta rabbia da convertire in voglia di vincere e di ribaltare questo momento.

Gli obiettivi della Fiorentina? Noi dobbiamo vincere le prossime partite, a partire da quella di Coppa Italia con il Cittadella, in una competizione a cui teniamo tantissimo. Giochiamo in casa, sarà una partita molto complicata dal punto di vista psicologico, perché oggi abbiamo speso tanto fisicamente e mentalmente. Poi avremo il Torino, un’altra partita molto importante per cambiare la nostra classifica e il nostro momento.

Leggi anche:

Montella Esonerato dopo Fiorentina-Lecce 0-1?

avatar
Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.