Comune di Firenze, crowdfunding per un murales dedicato ad Astori

Murales per Astori – Il Comune di Firenze ha comunicato di voler realizzare un murales per ricordare Davide Astori, un tributo all’eterno capitano viola.

Da ciò che si apprende, dal 21 marzo sarà inaugurata una campagna di crowdfunding per permettere la realizzazione dell’opera da parte dell’artista Giulio Rosk.

Il Comunicato del Comune di Firenze

UN MURALE DEDICATO A DAVIDE ASTORI

Quando si appartiene veramente ad un luogo? Quando vi si nasce, quando lo si sceglie per viverci o quando si diventa parte integrante del tessuto umano e sociale che lo impregna? Davide Astori appartiene a Firenze, al di là di qualunque risposta. Non vorremmo cadere in un eccesso di retorica, ma il ricordo dell’ex capitano della Fiorentina Davide Astori ci sembra ancora così vivo da non credere che siano già passati 3 anni dalla sua scomparsa.

Il Comune di Firenze, insieme alla famiglia di Astori, ha così deciso di dedicare a Davide un grande murale che tenga sempre viva in città la sua memoria. L’opera, che sarà realizzata dall’artista Giulio Rosk, sarà finanziata con una raccolta fondi che partirà il 21 marzo prossimo. Il crowdfunding verrà gestito dalla Fondazione Cure2Children Onlus e servirà anche per raccogliere proventi da destinare a favore dei bambini affetti da tumori e gravi malattie del sangue. Ancora da scegliere il luogo in cui verrà realizzato il murale.

Un modo per ricordare il giocatore, senz’altro, ma soprattutto l’uomo. Una figura che, purtroppo, abbiamo conosciuto e apprezzato solo dopo la morte, quando tutte le voci che hanno condiviso con Davide un qualunque percorso si sono unite in un coro possente che ha raccontato le mille sfaccettature di un uomo che non è diventato solo un simbolo di questa città, ma che, valicando lo spazio fisico dell’Arno e dell’Appennino, ha raggiunto tutto il territorio nazionale.

(Fonte foto: The Irish Sun)

Leggi anche: 

The Independent: “Agnelli pensi alla Juve prima di voler riformare il calcio europeo”

Come Arrigo Sacchi amo il calcio, e lo sport in generale, perché è la cosa più importante delle cose meno importanti, e come Maurizio Mosca cerco di spargere allegria tra la gente.