Vice Allenatore Giovanissimi Grosseto Calcio licenziato per insulti a Greta Thunberg

Una vicenda alquanto spiacevole quella che ha “colpito” l’ambiente del Grosseto Calcio. Tommaso Casalini, vice allenatore dei Giovanissimi A della società toscana, ha commentato in maniera tutt’altro che signorile un post di Greta Thunberg, giovane attivista finita sotto i riflettori di tutto il mondo grazie ad alcune importanti azioni e a diverse dichiarazioni sull’attuale situazione ambientale del nostro pianeta.

Mister Casalini, infatti, avrebbe dato della prostituta alla 16enne svedese, spingendo il Grosseto a prendere provvedimenti nei suoi confronti, per aver leso l’immagine del club con parole piuttosto scurrili.

Di seguito il comunicato ufficiale con cui il Grosseto Calcio ha licenziato Tommaso Casalini, in virtù del deprecabile commento apparso sui social sotto un post di Greta Thunberg:

 “In seguito a quanto apparso sui social, l’Unione Sportiva Grosseto 1912 comunica il licenziamento del vice allenatore dei Giovanissimi A, Tommaso Casalini, per un comportamento non consono alla linea tracciata dalla società che punta sui valori morali prima ancora che sui valori tecnici. Vista la gravità di quanto affermato dal signor Casalini, la società ha provveduto a sollevare lo stesso dall’incarico con effetto immediato, dissociandosi completamente dalle affermazioni lette su Facebook, riservandosi di procedere per vie legali per tutelare la propria immagine nelle sedi opportune”.

Va detto, inoltre, che il vice allenatore si è già scusato per la grave esternazione, figlia di un momento di rabbia, pur sapendo di doversi prendere le sue responsabilità nelle sedi opportune.

Leggi anche:

Luciano Passirani, frase razzista su Lukaku: “Lo fermi con le banane” (Video)

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.