Venezia Calcio Notizie, Modolo: “Pensiamo solo alla Reggina, non ci sono favorite”

 VENEZIA FC – A tre giorni dall’importantissima sfida con la Reggina, che segnerà il ritorno in campo dei Leoni dopo la sosta dedicata alle Nazionali, Marco Modolo ha fatto il punto sulle attuali condizioni della rosa arancioneroverde, capace di chiudere l’ultimo ciclo di partite con la straordinaria vittoria di Monza.

Queste le parole del capitano del Venezia in vista dei prossimi impegni di campionato: “Non ci sono calcoli da fare, ci sono 8 partite da giocare. Venerdì abbiamo la Reggina e bisogna concentrarsi sul prossimo impegno e basta, senza andare con la testa alla sfida di lunedì con la Spal. Quello che siamo diventati dal 20 agosto a fine maggio è un’identità nuova, che deve rappresentare la nostra forza. Adesso non ci sono più favorite, – riporta Trivenetogoal.com – ce la possiamo giocare fino in fondo.

La sosta? Questa pausa è andata bene perché i tre giorni della settimana scorsa sono serviti per recuperare i giocatori infortunati. Chi aveva giocato tanto aveva bisogno di recuperare mentalmente. Ci sono stati 3-4 giorni di lavoro intenso e da ieri stiamo preparando la partita di venerdì. Adesso fisicamente sto bene, tre settimane fa mi ero rotto il mignolo del piede e non riuscivo a calzare la scarpa. A Monza con un’infiltrazione sono riuscito a giocare, ma la cosa più importante è che sia arrivata una vittoria che ci ha regalato serenità e consapevolezza dei nostri mezzi. Dobbiamo avere una spinta in più in quello che facciamo, adesso dobbiamo pensare alle ultime otto partite.

Che partita mi aspetto? Rispetto all’andata troveremo un’altra squadra con un altro allenatore e con giocatori molto forti. A Reggio eravamo riusciti a ribaltarla, la classifica dimostra che si sono rimessi in moto. Il fattore pubblico e il fattore Covid contano in un senso o nell’altro, qualche punto in più le squadre di casa col pubblico lo avrebbero ottenuto. A Empoli mi dispiace per la situazione che hanno con il Covid, ci siamo passati anche noi e sappiamo cosa significa. Bisogna cercare il più possibile di mettere la mascherina e di fare attenzione. Il nostro staff ci sta martellando e chiedendo un grosso sacrificio per preservare le condizioni dei giocatori all’interno della squadra ed evitare focolai.

Tutti hanno da perdere, – ha aggiunto capitan Modolo – anche noi abbiamo un sogno da inseguire, la Serie A è l’Olimpo del calcio e io sogno di andarci. Personalmente ho molto da perdere. Abbiamo seminato molto bene, abbiamo un’occasione e dobbiamo cercare di prenderla al volo. Abbiamo un treno che va nella giusta direzione e dobbiamo prenderlo a tutti i costi. Conta quello che si ha dentro e dare tutti noi stessi.”

Leggi anche:

Collauto (DS Venezia): “Serie A? Ce la giocheremo a viso aperto”

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.