Spal-Venezia 1-1: le dichiarazioni di Zanetti nel post partita

SPAL-VENEZIA 1-1 – Al termine del pareggio per 1-1 ottenuto sul campo della Spal, il tecnico del Venezia Paolo Zanetti ha commentato nella consueta conferenza stampa post-partita l’andamento del match dello “Stadio Mazza”.

Le dichiarazioni di Zanetti nel post Spal-Venezia

È un punto importante, un punto pareggio perché incontravamo una squadra dai valori tecnici altissimi. Avremmo meritato di vincere, non ricordo parate del nostro portiere. Siamo stati bravi reagire subito dopo il gol subito e l’abbiamo ripresa. Abbiamo preso altri due legni, sono quattro in due partite e devo dire che non è che ci giri bene ultimamente. Visti i risultati delle altre manteniamo le distanze sulle dirette concorrenti.

Per conquistare i playoff serve dare il massimo, serve tanto lavoro e tanta fatica. I ragazzi hanno una grandissima dote, quando subiscono sanno compattarsi e reagire. Se arriveremo ai playoff, le partite che avremo lungo il percorso saranno di questo tipo. Credo sia difficile dare un’insufficienza ai giocatori, vista la pericolosità e il valore. Ci sono stati singoli che hanno fatto benissimo, ogni settimana è importante che chi va in campo dia sempre tutto.

A fine primo tempo Crnigoj ha chiesto scusa alla squadra per l’errore che ha generato il gol, ma mi sono arrabbiato con lui e non le ho accettate, perché non bisogna scusarsi per un errore quando si è dato tutto. Forte? Aveva 60 min nelle gambe, ora è guarito e ha fatto una buona partita. Piuttosto che metterlo alla fine ho scelto di averlo in campo dall’inizio. Anche Esposito secondo me è entrato bene. Il portiere? Pomini non era al meglio e abbiamo avuto la possibilità di provare Maenpaa, nazionale finlandese che è arrivato ed è con noi da un pò“.

Foto: Facebook Venezia FC

Leggi anche: 

Spal-Venezia 1-1: il Tabellino (Serie B 2020-21)

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.