Fiorentina-Sampdoria 1-2: le dichiarazioni di Iachini e Biraghi nel post partita

Nel post partita di Fiorentina-Sampdoria, sono intervenuti ai microfoni di Sky Sport mister Beppe Iachini e Cristiano Biraghi, pronti a metterci la faccia dopo la prima sconfitta casalinga della stagione. Qui di seguito le dichiarazioni rilasciate dall’allenatore viola e dall’ex esterno dell’Inter a margine dell’1-2 maturato stasera contro la Sampdoria.

Fiorentina-Sampdoria 1-2: le dichiarazioni di Iachini e Biraghi nel post partita

Queste le parole di mister Iachini: “Stasera abbiamo fatto sicuramente un passo indietro, ma abbiamo preso gol senza dubbio evitabili. Difficile accettare soprattutto il secondo, preso sul rilancio del loro portiere, dove abbiamo letto male la situazione e l’abbiamo pagata a caro prezzo. Disattenzioni che si pagano e sulle quali dobbiamo migliorare e stare più attenti.

Ultima partita per Chiesa? Io non ho avuto indicazioni particolari, Chiesa sta lavorando bene e si sta impegnando. Stasera ha giocato come nelle altre partite. Ad oggi fa parte della nostra squadra ed è sceso in campo senza che nessuno della società mi abbia detto qualcosa, non c’è nulla di ufficiale o di definitivo”.

È poi toccato a Cristiano Biraghi, che ha parlato della situazione del suo compagno Chiesa: “Normale che i giocatori importanti vengano accostati alle grandi squadre: a noi non ci ha salutati, e ha dimostrato di esserci con la testa. Sa che finché è qua deve dare tutto per la maglia, noi siamo tranquilli, e speriamo sempre nel suo bene. Qualsiasi sia la scelta.

Passo indietro? Venivamo da una bella gara a San Siro, ma oggi siamo usciti con zero punti. Siamo una squadra giovane, quest’anno è arrivato qualcuno d’esperienza e dovremo tutti imparare al più presto: per fare un bel campionato queste partite vanno portate a casa.

L’assenza di Ribery? Lui è un campione e se non c’è si sente, ma non può essere un alibi se vogliamo fare un bel campionato. A volte abbiamo commesso errori ingenui e preso ripartenze pur sapendo come avrebbe giocato la Samp. Questo ci ha penalizzato, ed è un peccato: non si deve solo dire a voce che si deve fare bene.

Il mio rinnovo? Non ho ancora rinnovato, ma sono contento qua”.

Leggi anche:

Calciomercato Fiorentina, piace Faroni dell’Hellas Verona

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.