Calciomercato Serie A: Acquisti, Cessioni e Trattative (12 luglio 2019)

CALCIOMERCATO SERIE A – Si accende il mercato della nostra Serie A, con ufficialità e colpi davvero importanti. Andiamo a ricapitolare trattative e affari conclusi nella giornata di oggi, 12 luglio 2019, in Serie A.

Calciomercato Serie A: Ufficialità e Affari Conclusi (10 luglio 2019)

ATALANTA – Vicino il colpo a centrocampo: Ruslan Malinovskyi, centrocampista del Genk, è ad un passo dalla Dea che ha superato la concorrenza della Samp. Mancini resta vicinissimo alla Roma, sebbene i giallorossi stiano trattando Alderweireld del Tottenham. Sempre in uscita, Cornelius e Kulusevski piacciono al Parma, mentre Tumminello interessa molto al Pescara. Radunovic si trasferirà nelle prossime ore all’Hellas Verona.

FIORENTINA – Veretout non è stato convocato per la tournée negli Stati Uniti e ha già abbandonato il ritiro di Moena, dove è stato duramente contestato dai tifosi viola: il Milan ha alzato l’offerta, ma occhio all’inserimento concreto della Roma. Per Lirola la trattativa rimane serrata, ma persiste ancora una lieve distanza tra l’offerta del club gigliato e la richiesta del Sassuolo.

NAPOLI – Si continua a trattare ad oltranza per James Rodriguez: il colombiano vuole solo gli azzurri ma non c’è ancora intesa sulla formula del trasferimento. Per Verdi c’è sembra distanza tra il Torino e il club di De Laurentiis, mentre in uscita restano Hysaj e Mario Rui.

PARMA – Molti attivi i gialloblu che oggi accolgono Karamoh, mentre è molto vicino l’arrivo del terzino dell’Udinese e dell’Under 21 Pezzella. Doppia trattativa con l’Atalanta per Dejan Kulusevski e Andreas Cornelius, l’affare sembra alla portata, mentre Barrow dovrebbe rimanere a Bergamo. In uscita molti club di B su Ceravolo, ma ad oggi in pole sembra esserci la Cremonese.

TORINO – Gli obiettivi di mercato sono ben definiti, ma per il momento i dirigenti granata non hanno fretta di affondare il colpo. Oltre ai soliti Mario Rui, Pereyra e Verdi, dall’America Latina rimbalza il nome del giovane fantasista ecuadoriano Jordan Lenin Rezabala.

VERONA – Inizia a delinearsi il mercato in entrata dell’Hellas Verona. Dopo gli arrivi di Rrahmani, Gunter, Bocchetti e Miguel Veloso (visite mediche completate), si dovrà pensare a rinforzare il reparto offensivo. Sfumato Mancuso (andrà all’Empoli), anche Cornelius si allontana da Verona (c’è il Parma). In arrivo Boris Radunovic dall’Atalanta: sarà lui il vice-Silvestri.

La Lazio ha ufficializzato gli acquisti di Lazzari (nell’operazione Murgia a titolo definitivo alla Spal) e del cipriota Karo (andrà in prestito alla Salernitana), mentre per Radu si va verso il reintegro dopo il confronto con il ds Tare. Ore calde anche in casa Juventus: dall’Olanda trapela ottimismo per l’affare De Ligt, che non è partito per il ritiro estivo con i Lancieri. Piccoli passi avanti per Higuain alla Roma, che vorrebbe sostituire con un centravanti esperto il partente Dzeko. La Samp ha ceduto Andersen al Lione e ha deciso di sostituirlo con l’ex Inter Murillo, in arrivo dal Valencia.

Ufficiale Barella all’Inter: il Cagliari percepirà 45 milioni tra prestito, obbligo di riscatto e bonus. Il club di Suning ha ufficializzato il riscatto del portiere Radu dal Genoa (l’estremo difensore romeno rimarrà a Genova in prestito), mentre passi avanti sono stati fatti sul fronte Lukaku, sebbene lo United continui a tracciare una valutazione troppo elevata per l’attaccante belga.

Il Sassuolo ha preso Ciccio Caputo dall’Empoli e ha formalizzato l’acquisto di Traorè dall’Empoli, in sinergia con la Juventus. Il Genoa ha ufficializzato la cessione di Romero alla Juventus, che permetterà al difensore classe ’98 di rimanere in Liguria in prestito un’altra stagione. Infine, il Lecce ha ufficializzato gli arrivi di Rossettini e Lapadula dal Genoa.

Leggi anche:

Calciomercato, il Torino è interessato a Paleari del Cittadella

Laureato in Comunicazione all'Università degli Studi di Padova, da sempre tifoso dell'Hellas Verona grazie alla passione trasmessa dal padre. Amante del calcio, della politica e della storia, con l'ambizione di poter vivere scrivendo.