Pradé prima di Fiorentina-Verona: “Con Juric solo un malinteso”

Nel corso dell’intervista concessa a Sky Sport nel pre partita di Fiorentina-Verona, il DS viola Daniele Pradé ha avuto l’opportunità di chiarire anche lo spiacevole “battibecco” a distanza avuto con mister Ivan Juric.

Queste le parole del Direttore Sportivo della Fiorentina: “Chiarimento con Juric? Sono malintesi che succedono, non c’è bisogno di chiedere scusa, ho sentito il mio amico Tony D’Amico a Verona. Stimo Juric, e devo dire che è stato anche furbo perché ha caricato tutto. Siamo due società che lavorano assieme, perciò auguriamo loro tutto il meglio ma oggi ci lascino i tre punti…”.

Pradé ha poi tracciato un primo bilancio stagionale: “Avevamo fatto una rosa così ampia proprio perché i cinque cambi dovevano essere la nostra arma determinante. Finora non lo sono stati, ma dico che un dirigente lavora nella maniera più attenta e poi ci sono situazioni esterne, ambizioni… Dopo Milano e quella grandissima partita (sconfitta per 4-3 in casa dell’Inter, ndr) pensavamo di poter ambire ai vertici, pii si è innescato un meccanismo di negatività e Prandelli deve essere bravo a lavorare su quello”.

E, infine, ha aggiunto: “Milik? Lui e Piatek sono discorsi che lasciano il tempo che trovano. Ci abbiamo provato a luglio, ora non li prendiamo in considerazione”.

SEGUI IN DIRETTA FIORENTINA-VERONA

Leggi anche:

Fiorentina-Verona: le dichiarazioni di Prandelli pre partita

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.