Fantacalcio, 5 delusioni inaspettate ad inizio stagione

Quella che sta avviandosi verso la sua conclusione è stata una stagione particolare. Il coronavirus ha influito sulla Serie A e sul rendimento di molte squadre che, dall’oggi al domani, si sono trovate senza giocatori importanti alla vigilia di gare decisive per la propria stagione.

Una difficoltà che si è riversata, ovviamente, anche sul fantacalcio. Difficile dire se questo possa aver influito anche sul rendimento di alcuni giocatori che erano partiti come i favoriti, nel loro ruolo, per vivere una stagione da protagonisti.

Sono stati parecchi quelli che, a differenza di quanto pronosticabile in estate, hanno disatteso le aspettative dei propri fantallenatori che, pur di averli in rosa, hanno fatto follie all’asta. Con l’aiuto di FantaMaster ne abbiamo scelti cinque: 5 giocatori partiti per essere protagonisti in Serie A, ma che si sono rivelati un fallimento in termini di voti e bonus.

Le 5 delusioni inaspettate ad inizio stagione al fantacalcio

Sirigu (Torino): il portiere del Torino, dopo l’ottima stagione precedente (nonostante le difficoltà oggettive dei granata), si è rivelato un fallimento di voti e bonus. Molti fantallenatori, abituati a vedere l’ex Psg protagonista con interventi incredibili e parate da vero ‘Uomo Ragno’, avevano deciso di puntare su di lui in un pacchetto variegato di portiere affidabili ma non di prima fascia, da alternare di giornata in giornata. Il risultato è stato abbastanza insoddisfacente: voti spesso bassi e ben 46 gol subiti in 26 presenze.

Biraghi (Fiorentina): male anche l’ex Inter. Dopo la stagione positiva in nerazzurro (con 26 presenze, 2 gol e 6 assist) è ritornato alla Fiorentina. I viola hanno creduto in lui e le prime uscite stagionali avevano convinto molti fantallenatori a puntare su di lui all’asta. A 10 giornate dalla fine con un solo gol e 4 assist si può considerare un flop. È calato gara dopo gara così come la sua squadra.

Kulusevski (Juventus): lo scorso anno stupì tutti con una stagione pazzesca fatta di 10 gol e 8 assist. Alla Juventus speravano potesse ripetersi (dato anche l’importante investimento fatto a gennaio dello scorso anno per lui), ma così non è stato. Dopo 28 giornate, in 26 presenze ha raccolto solamente 3 gol e 1 assist. Pochi per un giocatore tecnico e dinamico come lui. I fantallenatori sono ovviamente delusi: all’asta in pochi non avranno superato i 50 fantamilioni per accaparrarselo. Un flop pesante.

Vidal (Inter): Re Artù era tornato per riconquistare Camelot, ma alla fine si è rivelato un clamoroso fiasco. I fantallenatori non si erano dimenticati i tanti bonus regalati con la maglia della Juventus e avevano puntato con convinzione su di lui. Purtroppo il centrocampista cileno è parso più una paca ombra del bel giocatore ammirato negli anni in bianconero o al Bayern Monaco. Il declino mostrato a Barcellona ha avuto ripercussioni anche in Serie A e il solo gol messo a segno in 24 presenze lo dimostra.

Dzeko (Roma): che il bosniaco fosse un attaccante di alti e bassi lo si sapeva anche prima dell’asta, ma il raggiungimento della doppia cifra (abbondante) lo si dava per scontato. E invece… la lite con Fonseca, il rischio di vederlo finire fuori rosa come il Papu Gomez, ha fatto tremare molti fantallenatori. In appena 20 presenze stagionali solo 7 gol. Nel finale di stagione potrebbe anche raggiungere quota 10, ma resterebbe comunque una delusione nel rapporto qualità-prezzo.

Leggi anche:

YTalk con Ludovico Rossini, non è solo Fantacalcio: l’intervista (Video)